Strada vini e sapori: Torna alla Homepage  
Chi Siamo - Dove Siamo - Contatti - Siti Utili   
Italiano: strada vini e sapori English Version: strada vini e sapori Deutsch: strada vini e sapori Francois: strada vini e sapori     
Strada Vini e Sapori
Strada vini e sapori
Novità ed eventi in Romagna
Scarica la cartoguida
Itinerario e Comuni
Regolamento e Standard di Qualità
Il Logo di Leonardo
Soci Strada Vini e Sapori
Elenco Completo
Dove Mangiare
Dove Dormire
Dove Acquistare
Istituzionali
Wine and Dine Route Map

Posizionamento Siti Internet
Segnalato da:
www.sagreinromagna.it

Emilia Romagna Turismo

Assessorato Turismo Forlì

Catalogo Vini e Prodotti Tipici

Mappa del sito


Romagna LiveRomagna LiveHotel in RomagnaHotel in Romagna

CESENA


I COMUNI ADERENTI ALLA STRADA DEI VINI E SAPORI


Bertinoro Borghi Bagno di Romagna
Cesena Castrocaro Terme - Terra del Sole Civitella di Romagna
Dovadola Forlì Forlimpopoli
Galeata Longiano Meldola
Mercato Saraceno Modigliana Montiano
Roncofreddo Portico - San Benedetto Predappio
Premilcuore Santa Sofia Savignano sul Rubicone
Sarsina Sogliano al Rubicone Verghereto


A metà strada fra l'Adriatico ed il Monte Fumaiolo, conchiusa nello scorpione disegnato dalle sue mura tre-quattrocentesche, sorge Cesena, la cui origine storica si perde ai tempi degli Etruschi. Per i Romani fu Curva Caesena e i Ravennati la ebbero all'intemo del loro Esarcato. Il Medioevo la vide lottare strenuamente per la liberta contro i Comuni limitrofi fino a quando, nel 1378, vi si insediò la Signoria dei Malatesta a garantire un periodo di notevole prosperità culturale.

Biblioteca MalatestianaEd e proprio come "città malatestiana" che Cesena ama qualificarsi ancor oggi, non fosse altro che per la inestimabile Biblioteca Malatestiana. La "Sala del Nuti" del 1452 e la prima biblioteca comunale d'Italia e in Europa la più antica conventuale interamente conservatasi; accanto ci sono la 'Piana" (la biblioteca privata di papa Pio VII), la Biblioteca Comunale e il Museo Lapidario, appendice del Museo Archeologico, ubicato quest'ultimo nell'attiguo Chiosco di S. Francesco e contenente reperti di provenienza locale di età preistorica, romana, medioevale. Di fronte alla Biblioteca si innalza il quattrocentesco, massiccio, Palazzo del Ridotto, caratterizzato dalla statua bronzea di Pio VI, opera del cesenate Calligari.

In Piazza del Popolo troneggiano la Fontana Masini, tipico monumento manieristico (1591), e il Palazzo Albomoz (1359), sede del Municipio, con la loggetta veneziana ed il torrione del 1466 progettato dal Nuti (all'interno del quale ha sede il Museo di Scienze Naturali). L'attiguo Parco della Rimembranza è un degno contorno per la Rocca Malatestiana, una delle più belle in Romagna per stato di conservazione e per storia. Nei pressi del sito ove in epoca bizantina sorgeva la prima rocca, nel 1380 fu fatta erigere da Galeotto Malatesta la cinta muraria pentagonale, corredata dai due torrioni "maschio" e "femmina' che oggi ospitano il Museo di Storia dell'Agricoltura.

Fra le molteplici chiese di rilevante valore artistico (S. Domenico, Il Suffragio, I Servi, la Cattedrale ... ), quella di S. Agostino si segnala per i pregevoli dipinti del cesenate Giuseppe Milani e di Girolamo Genga.

Rocca MalatestianaLa folta schiera dei palazzi artistici cesenati (Romagnoli, Ghini ... ) e ben rappresentata dal settecentesco ed affrescato Palazzo dell'O.I.R., a poca distanza del quale si trova la Pinacoteca della Cassa di Risparmio di Cesena, collezione di grande valore e di recenti acquisizioni, visitabile su prenotazione.

Vero e proprio monumento è il Teatro Alessandro Bonci, costruito dal 1843 su progetto di Vincenzo Ghinelli, che nella sua lunga carriera ha allestito le migliori produzioni liriche e drammatiche. Ad esso adiacente è il Museo del Teatro.

Visibile da ogni parte della citta troneggiare sul colle Spaziano, l'Abbazia del Monte assomma in sé numerose stratificazioni storiche: dal nucleo originario del 930, opera di S. Mauro Vescovo, alla riedificazione pressoché totale del XV e XVI secolo, alla cupola del 1771-2 affrescata dal Milani con I' "Assunzione della Madonna", ai restauri nel 1914. Assolutamente unica e poi la collezione dei 690 ex-voto, in essa custodita.

L'altro convento cesenate, contraltare paesaggistico all'Abbazia, è quello cinquecentesco dei Cappuccini, custode della preziosa "Estasi di S. Francesco stigmatizzato" del Guercino.

La rassegna di cultura prosegue anche al di fuori del centro storico: Villa Silvia a Lizzano conserva la stanza in cui soggiornò Giosuè Carduccì nelle sue ultime estati.

L'offerta musicale si completa con il Museo delle Miniere a Formignano e con il Museo della Centuriazione a S. Giorgio, in cui è raccolta la documentazione attestante la suddivisione in centurie del territorio cesenate in epoca romana.

La cultura si tramanda a Cesena anche attraverso il gusto per la buona tavola, schietta e vigorosa, imbandita com'è con tagliatelle, pappardelle e cappelletti rigorosamente confezionati con la "spoja", e ancora con passatelli, strozzapreti, nonche con la "pida", autentico simbolo della Romagna più ospitale. E alla fine del lauto pasto, non può mancare la ciambella, magari inzuppata nell'albana, nel sangiovese, nella cagnina o nel trebbiano, a sancire con una allegra risata il patto di cordialità intrapreso.

Oggi Cesena e una cittadina laboriosa, vivace e culturalmente attiva ed è presente anche nel polo universitario attraverso le sedi decentrate di ben cinque facoltà. Non a caso Piovene definì Cesena : " ... il cuore della cultura della Romagna ... e quanto di più puro ci abbia dato quel secolo in cui la cultura toccò l'estremo punto della raffinatezza"

E ancora: " Questa graziosa cittadina; circondata di bei frutteti e per cio a primavera ravvolta di una nuvola d'alberi bianchi e rosa, addossata a un colle e dominata da una rocca che la include in parte..." ; per la sua collocazione naturale, ha un clima simile ; con inverni freddo - umidi ; estati afose ed autunni temperati :Questo ha favorito una grande produzione di prodotti ortofrutticoli che raggiungono i mercati internazionali : Infatti , il mercato ortofrutticolo cesenate , per la tipologia , la struttura ed il numero di imprese e di aziende di altro genere, offre una visibilita economico sociale attraverso una collocazione di ottimo livello nei mercati internazionali. Dunque centro agricolo e polo industriale con lo zuccherificio ; le aziende , le cooperative di esportazione di frutta ; le aziende vinicole e le altre tipologie aziendalì : Ciò contribuisce a creare una rete di comunicazione anche in ambito sociale -in un territorio gia di per se ricco di riferimenti storico - culturah inseriti in un notevole e variegato contesto paesaggistico naturale delle colline circostanti.

Fontana MasiniCesena antica terra abitata dagli Umbri, si sviluppò in pianura tra le rive del fiume Savio e la Via Emilia. In età romana fu centro piuttosto attivo, come testimonia la geniale e complessa opera di centuriazione del territorio di pianura tra la città ed il mare.
Durante il XIII secolo la città fu assegnata alla chiesa Ravennate, quindi il papa Urbano VI concesse la città alla famiglia Malatesta, famiglia che la avviò a grandi fasti. Con Malatesta Novello la città raggiunse il massimo splendore attraverso numerose opere ed alla costruzione di quel mirabile monumento che è ancora oggi la Biblioteca Malatestiana. La signoria Malatestiana cessò nel 1465, ed in seguito fu ripristinato ancora una volta il governo papale.
Cesena oggi, è una delle più importanti città della Romagna, vivace ed ospitale, col nucleo storico ben conservato, bello da scoprire e da vivere a piedi.

Numeri Utili

  • Municipio: Piazza del Popolo 10, tel. 0547-356111
  • IAT – ufficio informazioni comunali, Piazza del Popolo 11 - tel. 0547- 356327; fax 0547-356329

“ Luoghi ed opere: cosa vedere”

  • La biblioteca Malatestiana
  • La Rocca Malatestiana
  • La Fontana Masini
  • Il Teatro Alessandro Bonci
  • Convento dei Capuccini
  • Sistema museale di Cesena - Dieci Musei, aperti e visitabili

“ All’aria aperta e dintorni: da non perdere”

  • Escursioni in bicicletta sul territorio territorio a nordest di Cesena: il reticolo di strade, conservatesi al giorno d’oggi, della antica Centuriazione Romana, con perfetto intreccio ortogonale e preciso orientamento nord-sud, mirabile opera di ingegneria civile, agricola e militare (base di partenza consigliata: Comitato di Quartiere di Cesena CERVESE NORD - frazione S.Giorgio, via Fratelli Latini 24). Il percorso ad anello di circa trenta chilometri (in completa pianura, attraverso la campagna e piccole pievi) lambisce 42 “Quadre” romane: pannelli stradali didattici, numerati in progressione, sono distribuiti nei centri delle dodici frazioni cittadine.
Per saperne di più, clicca qui per visitare il sito web del Comune

Torna Indietro

Newsletter Strada Vini e Sapori
Eventi, offerte turistiche ed altre novità alla tua email!
ISC CANC (Privacy)
Territorio Romagnolo
Cultura del Territorio
Prodotti
Feste e Sagre
Uffici Turistici
Aereoporto di Forlì
Orario dei treni
Meteo
Via Romea di Strade
Strada vini e sapori forlì e Cesena Strada vini e sapori forlì e Cesena
E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti del sito © 2004 Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Forlì e Cesena